Settimana della Legalità: il ruolo e le esperienze dei Comuni - ANCI Emilia-Romagna

Vai ai contenuti principali
Sei in: Home - Sala Stampa - Comunicati - Settimana della Legalità: il ruolo e le esperienze dei Comuni  

Settimana della Legalità: il ruolo e le esperienze dei Comuni

COMUNICATO STAMPA

Bologna, 26 marzo 2018

Con il seminario di oggi – ‘Buone pratiche e impegni per la legalità’  - si conclude la Settimana della Legalità promossa dalla Giunta regionale, dall‘Assemblea legislativa e da ANCI Emilia-Romagna. Con questa iniziativa, Enti locali e Regione hanno voluto offrire un’occasione di confronto e riflessioni pubbliche sulle azioni necessarie alla promozione della legalità, sottolineando il valore della partecipazione, l’impegno delle istituzioni e le azioni promosse sul territorio per contrastare le attività criminali.

Il lavoro di ANCI Emilia-Romagna per promuovere la cultura della legalità parte infatti da lontano: nel 2005 sostenendo le attività del consorzio GOEL nella Locride, collaborando nel 2013 con Libera nell’ambito dell’Osservatorio regionale sulle mafie sull’attività di ricostruzione post-sisma, fino al protocollo d’intesa con l’Assemblea Legislativa e la Giunta Regionale per l’attuazione della L.R. 18/2016 sulla Legalità e all’accordo di collaborazione con i centri anti-violenza contro le donne. La scelta dei casi studio di Ravenna  – cantieri edili etici - e Forlì  – riutilizzo dei beni confiscati - presentati oggi, ha il senso di raccontare esempi di azione comunale nei quali si intrecciano le tre filiere di lavoro su cui si concentra l’azione di ANCI e dei Comuni:

  • legalità e partecipazione
  • legalità nelle strutture amministrative degli Enti locali
  • integrazione tra azioni di governo e azione amministrativa.

Sotto ogni aspetto i Comuni in quanto istituzioni di prossimità sono in prima linea, come testimonia l’intervento di Davide Drei - Sindaco del Comune di Forlì.

Oggi più che mai c'è bisogno di riscoprire e di rafforzare il senso delle istituzioni, dello Stato, della legalità e ad ognuno di noi è richiesto di fare la propria parte perché la democrazia, il pieno rispetto della Costituzione, con i principi di libertà, di giustizia e di uguaglianza, restino punti fermi di una comunità – dichiara il sindaco di Forlì, Davide Drei  -. Ecco che iniziative, come quella di oggi, rappresentano un'occasione particolarmente importante per rimarcare la collaborazione attiva e l'impegno delle istituzioni su un valore fondante quale è la legalità. Legalità come rispetto di regole riconosciute e condivise dalla comunità, come valore di fondo della vita sociale e delle relazioni nelle costruzione del bene comune e della dimensione della responsabilità individuale. Educare alla legalità, coinvolgendo i giovani e gli studenti attraverso momenti formativi e progetti, è il principio che ci muove e che ha ispirato la nascita della “Casa della Legalità” che da bene confiscato è divenuto patrimonio collettivo, un luogo di cittadinanza responsabile, grazie ad un percorso di partecipazione che ha coinvolto la società civile”.

Formazione del personale, condivisione di esperienze e relazioni inter-istituzionali e associative  - aggiunge Matteo Cattani, coordinatore ANCI Giovani Emilia-Romagna - sono un’arma importante per contrastare l’illegalità che insieme a progetti innovativi di cittadinanza attiva rappresentano un muro di sbarramento alle attività criminali. I Comuni sono tutt’altro che fermi su questo tema, ma complicare la burocrazia non risolve i problemi: servono norme chiare e regolamenti semplici nella vita pubblica e amministrativa, che favoriscono il loro rispetto da parte dei cittadini e che aiutino il processo di acquisizione dei beni sequestrati, snellendo le procedure e sbloccando le risorse per ridar loro vita.

Legalità non è sicurezza  – aggiunge Fabio Fecci, Presidente ANCI Emilia-Romagna  - ma le due cose si intrecciano: la legalità è la stella polare per politiche alla sicurezza, è il valore sociale e culturale che orienta e dà significato alle politiche di sicurezza, ordine pubblico, lavoro e salute, sulle strade come nelle attività economiche e commerciali.
È importante continuare questo dialogo fra istituzioni elettive – conclude Fecci - mantenendo il confronto aperto e il tema sotto la massima attenzione. Dopo la vicenda Aemilia, abbiamo visto che non abbiamo sufficienti capacità di difesa e dobbiamo mettere in piedi attività di prevenzione e promozione della legalità sempre più forti insieme anche ai cittadini.

20180326_101029

Domande frequenti

 

Progetti speciali

  • Accordo fra Agenzia delle Entrate e Comuni per il recupero dell’evasione fiscale.

  • Percorsi, opportunità e strategie per i Comuni in Regione, in Italia e in Europa.

 

Calendario eventi

 
Mese prec. Novembre 2021 Mese suc.
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30