Nomina nuovo coordinatore provinciale di Reggio Emilia per ANCI Emilia-Romagna - ANCI Emilia-Romagna

Vai ai contenuti principali
Sei in: Home - Sala Stampa - Comunicati - Nomina nuovo coordinatore provinciale di Reggio Emilia per ANCI Emilia-Romagna  

Nomina nuovo coordinatore provinciale di Reggio Emilia per ANCI Emilia-Romagna

Bologna, 14 aprile 2017

L’Assemblea dei sindaci della provincia di Reggio Emilia ha nominato, all’unanimità, il nuovo coordinatore ANCI: è Emanuele Cavallaro , sindaco di Rubiera . Succede ad Oreste Zurlini, già sindaco di San Martino in Rio. L’assemblea, che si è svolta alla presenza del direttore di ANCI Emilia-Romagna, Fabrizio Matteucci , è stata una occasione di confronto sul complesso momento che oggi attraversano gli Enti Locali.
La scelta di Cavallaro, sindaco al primo mandato ma con buona esperienza amministrativa, è il segno di dare continuità e prospettiva alle attività dell’associazione a Reggio Emilia.

“Desidero ringraziare il mio predecessore, Oreste, su cui tutti abbiamo potuto contare. Non ho la sua saggezza, ma assicuro tutto il mio impegno”  ha dichiarato Cavallaro . “Oggi il lavoro dei sindaci, degli assessori e di quelle centinaia e centinaia di volontari che sono i nostri consiglieri comunali è sempre più difficile. Tutti insieme rappresentiamo forse l’ultima cerniera che connette i cittadini alle istituzioni: siamo tutti in prima linea ad affrontare problemi nuovi, sempre più grandi, con bilanci troppo piccoli. E se negli ultimi anni c’è stato un miglioramento, in questa situazione, siamo ancora ben lontani dai livelli di investimento che si potevano garantire dieci o quindici anni fa.

Purtroppo non possiamo fare tutto ciò che vorremmo fare per i nostri cittadini. A Reggio Emilia, tuttavia, non si è perso lo spirito di poter fornire idee e contributi alla Regione ed all’Italia per affrontare in modo nuovo, con la nostra pragmaticità, le nuove domande: pensiamo alle richieste fatte dal nostro territorio sul tema dei richiedenti asilo, ampiamente recepite nelle nuove misure di legge. C’è voluto un lavoro di mesi, per costruire un protocollo che reggesse alla selva di complicazioni burocratiche e giuridiche di una simile idea: ebbene, da due giorni questa possibilità è legge dello Stato.
Oppure, penso al contributo dato alle modifiche di leggi sul tema della sicurezza diffusa – contro i reati predatori – che pare finalmente stia arrivando a compimento. Non rinunciamo a dire la nostra dal punto di vista di chi ogni giorno tocca i problemi dei cittadini con mano e, semplicemente, cerca di risolverli rimboccandosi le maniche. Credo che ANCI possa essere un potente albero di trasmissione delle nostre idee e delle nostre esperienze.

Sono a disposizione per far sì che le idee e le competenze possano agire coralmente, in rete, per il bene di tutto il nostro territorio, insieme a Luca Vecchi, delegato nazionale Anci al Welfare, ai membri dell’assemblea regionale ANCI Andrea Tagliavini e Mauro Bigi, che ha anche la delega ai piccoli comuni.
Facciamo tutto il possibile per ridare serenità e speranza ai nostri comuni, che spesso vantano svariati secoli di storia al servizio – piccolo ed immediato - della collettività, ben al di là dell’immediato e degli schieramenti politici”. 

Domande frequenti

 

Progetti speciali

  • Accordo fra Agenzia delle Entrate e Comuni per il recupero dell’evasione fiscale.

  • Percorsi, opportunità e strategie per i Comuni in Regione, in Italia e in Europa.

 

Calendario eventi

 
Mese prec. Ottobre 2017 Mese suc.
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31