La 'Carta di Bologna' delle Città Metropolitane per l'ambiente - ANCI Emilia-Romagna

Vai ai contenuti principali
Sei in: Home - Primo Piano - La 'Carta di Bologna' delle Città Metropolitane per l'ambiente  

La 'Carta di Bologna' delle Città Metropolitane per l'ambiente

8 giugno 2017

“Noi sindaci riteniamo che le città e le comunità locali possano davvero essere il motore fondamentale della transizione ecologica, che avrà importanti ricadute anche sullo sviluppo economico del Paese. Per questo intendiamo assumerci tutto l’impegno e la responsabilità che sono necessari”.

Lo ha sottolineato Virginio Merola,  Sindaco della Città metropolitana di Bologna, presiedendo la firma della Carta di Bologna per l’ambiente : il primo protocollo di questo genere, a livello nazionale, che vincola le città metropolitane a svolgere un ruolo da protagoniste  della tutela dell’ambiente e della promozione di uno sviluppo sostenibile.

Dai rifiuti alla qualità dell’aria e delle acque, dalla transizione energetica alla mobilità sostenibile, sono  otto i macro obiettivi  individuati dalla Carta di Bologna per l’Ambiente da inserire nelle agende metropolitane per lo sviluppo sostenibile.

Promossa dalla Città metropolitana di Bologna, in occasione G7 Ambiente (Bologna, 11 e 12 giugno) la Carta è stata sottoscritta alla Rocchetta Mattei (Grizzana Morandi) dalle Città metropolitane di Bologna, Milano, Torino, Firenze, Bari, Roma, Catania  (presenti) e Cagliari, Napoli, Reggio Calabria, Genova e Palermo  (che hanno inviato la propria adesione formale non potendo intervenire), alla presenza del Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, e del Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.

Merola ha ribadito che come sindaci metropolitani “siamo pronti a misurare in modo trasparente, attraverso la definizione di obiettivi quantitativi e temporali, il nostro progresso verso il conseguimento dei traguardi degli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile (SDGs) ”. Lo stesso sindaco ha espresso l’augurio che “il governo elabori un’Agenda urbana nazionale, garantendo alle città le risorse economiche e lo scenario normativo adeguato a tradurre i propositi in azioni concrete” .

Bologna  si pone come capofila di questo patto delle Città , avendo già da anni avviato un percorso  - quello del Patto dei Sindaci  - che la vede impegnata sotto il profilo della sostenibilità sia nella tutela del territorio (le aree tutelate rappresentano un terzo dell'intero territorio metropolitano bolognese) che nel coinvolgimento attivo di cittadini e imprese nel segno di una ‘città resiliente’, capace di adattarsi positivamente al cambiamento ed esserne promotrice.

Ai primi posti nelle classifiche internazionali sul fronte della governance, il capoluogo emiliano si distingue tra le città metropolitane per essere modello per l’ecosistema urbano e il basso consumo di suolo, gode di un’alta densità di verde urbano, presenta un ridotto livello di consumi idrici ed è tra le più attive nella riduzione dell’impatto ambientale dei mezzi di trasporto.

Domande frequenti

 

Progetti speciali

  • Accordo fra Agenzia delle Entrate e Comuni per il recupero dell’evasione fiscale.

  • Percorsi, opportunità e strategie per i Comuni in Regione, in Italia e in Europa.

 

Calendario eventi

 
Mese prec. Agosto 2017 Mese suc.
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31