Intesa Governo/Regione per maggiore autonomia - Dichiarazione Presidente ANCI ER - ANCI Emilia-Romagna

Skip to main content
Sei in: Home - Primo Piano - Intesa Governo/Regione per maggiore autonomia - Dichiarazione Presidente ANCI ER  

Intesa Governo/Regione per maggiore autonomia - Dichiarazione Presidente ANCI ER

Bologna, 13 febbraio 2018

FECCI: GIUDIZIO POSITIVO DELL’ANCI EMILIA-ROMAGNA SULL’OBIETTIVO DELL’INTESA QUADRO CON IL GOVERNO PER UNA MAGGIORE AUTONOMIA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA
                                
Dichiarazione di Fabio Fecci , Presidente ANCI Emilia-Romagna e Sindaco di Noceto

“Esprimo il giudizio positivo dell’ANCI Emilia-Romagna sulla risoluzione approvata lunedì scorso dal Consiglio Regionale, che da mandato al Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, di sottoscrivere con il Governo l’Intesa-Quadro per una maggiore autonomia della nostra regione. Fin dall’Assemblea dei Sindaci, organizzata da ANCI E-R il 19 settembre dello scorso anno alla presenza del Presidente della Regione, abbiamo espresso il nostro sostegno convinto a questo obiettivo. Conseguentemente in questi mesi abbiamo preso parte ai tavoli di lavoro organizzati per definire i contenuti dell’accordo con l’attuale Governo per ottenere maggiore autonomia.
L’Intesa-Quadro dovrà poi essere seguita da un ulteriore confronto con il Governo che si formerà dopo le elezioni del 4 marzo e successivamente dall’elaborazione di un disegno di Legge che, sulla base dell’articolo 116 della Costituzione, dovrà essere sottoposto all’approvazione di Camera e Senato.

La bozza di Intesa-Quadro fin qui definita stabilisce i criteri per la definizione delle risorse finanziarie necessarie al riconoscimento di maggiori competenze legislative e amministrative alla Regione Emilia-Romagna . L’Intesa indica anche le 4 aree strategiche su cui la Regione richiede maggiori poteri. Tali aree - politiche del lavoro, istruzione, tutela dell’ambiente e dell’ecosistema e salute – sono davvero importanti per il futuro delle nostre comunità e per l’attività amministrativa dei Comuni e vengono ricomprese in 12 materie specifiche su cui la Regione chiede la gestione diretta:

  • rapporti internazionali e con l’Unione Europea delle Regioni
  • tutela e sicurezza del lavoro
  • istruzione, salvo l’autonomia delle istituzioni scolastiche
  • commercio con l’estero
  • ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori produttivi
  • governo del territorio
  • protezione civile
  • coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario
  • tutela della salute
  • norme generali sull’istruzione
  • tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali
  • giustizia di pace.                   

Sono convinto che condizioni di maggiore autonomia nell’azione di governo della nostra Regione formeranno una base necessaria a incrementare la crescita economica e una migliore qualità della vita di tutti i cittadini emiliano-romagnoli, e saranno anche un aiuto concreto alla crescita di tutto il Paese.
Per questo riteniamo  importante che si tagli il traguardo della firma di quest’Intesa-Quadro in tempi rapidi ed esprimiamo il nostro  impegno a continuare a collaborare nell’interesse di tutti, come abbiamo fatto fin dall’inizio di questo percorso.
Successivamente sarà altrettanto necessario organizzare tavoli di lavoro insieme alla Regione Emilia-Romagna, al Governo e all’ANCI Nazionale, affinché anche per i comuni si possa parlare di maggiore autonomia finanziaria, dopo le recenti novità positive in materia di investimenti, considerato che ormai da troppi anni i nostri bilanci soffrono di imponenti misure restrittive”.

Domande frequenti

 

Progetti speciali

  • Accordo fra Agenzia delle Entrate e Comuni per il recupero dell’evasione fiscale.

  • Percorsi, opportunità e strategie per i Comuni in Regione, in Italia e in Europa.

 

Calendario eventi

 
Mese prec. Dicembre 2018 Mese suc.
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
         
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31